Giovedì, 05 Gennaio 2012

 

- Questo l'articolo del 3 gennaio sulla Nazione di Firenze per segnalare il presidio della LAV contro il circo Orfei con animali a Firenze dal 6 gennaio prossimo.

http://www.lanazione.it/toscana/cronaca/2012/01/03/646654-presidio_davanti_circo_moira_orfei.shtml

 

- Questa la risposta del presidente dell'Ente Nazionale Circhi Antonio Buccioni

http://www.circo.it/botta-e-risposta-fra-lav-e-enc-sulla-nazione/

 

- Questa la mia risposta al sig. Buccioni e alle sue bugie

Al presidente dell' Ente Nazionale Circhi Antonio Buccioni.
Ho letto la sua risposta del 4 gennaio 2012 alla LAV pubblicata sulla Nazione di Firenze.
Francamente devo dirle che quando si è punti nel vivo, come è accaduto a lei, non si sa più che pesci prendere.
Infatti, quanto sostenuto dalle persone che hanno a cuore il destino degli animali considerandoli portatori di diritti e soggetti di una vita (quelli che lei chiama brevemente animalisti) è purtroppo sostanzialmente fondato.
Mi spiega pubblicamente sul vostro sito come si può far fare degli esercizi ad un animale in uno spettacolo senza fargli violenza, quando questo tipo di attività è del tutto assente nei suoi comportamenti naturali ?
E’ vero, come dice lei, che gli animali nei circhi vivono in base alla normativa vigente ma questo non basta certo a poter dire che i loro diritti sono rispettati. Nel loro caso la legge è ancora molto indietro. Un po’ come accadeva in Sudafrica dove, per legge, era previsto il regime di apartheid e i neri, per legge, contavano infinitamente meno dei bianchi. Come vede non sempre la legge basta a fare giustizia dei diritti di un essere vivente e talvolta sono i furbi a pararsi dietro alle leggi.
Ho letto su sito del vostro ente le cifre che lo Stato vi riconosce e che gli animalisti avrebbero ingigantito: peccato che sul sito della LAV compaiano gli importi fino al 2009 e che nel vostro sito riportiate solo quelli del 2010, che sono più bassi degli anni precedenti, affermando che gli animalisti dicono una bugia clamorosa.
Mi sembra che non volete fare nessuna chiarezza ma seminare solo confusione.
Circa l’ammaestramento che lei afferma non essere frutto di strumenti coercitivi, può spiegare sul vostro sito, quindi pubblicamente, tutte le fasi dell’addestramento praticato sugli animali che lavorano nei vostri circhi ? Può inoltre indicare tutte le specie che utilizzate e come vengono fatte vivere nel rispetto della loro etologia e biologia ?
Si è accorto che avete nei vostri circhi moltissimi animali esotici che nulla hanno a che vedere con l’attuale ambiente naturale italiano (leoni, tigri, foche, cammelli, etc.) ?
Credo con forza che il mondo del circo con animali sia soltanto un relitto di un’epoca passata e ormai privo di senso, che prima o poi cesserà di esistere, quando la coscienza collettiva riconoscerà a tutti gli animali il diritto ad una vita libera e comprenderà quante bugie e cattiverie continuate a diffondere.

 

AGGIORNAMENTO: IL SIG. BUCCIONI NON HA MAI RISPOSTO ALLE MIE RICHIESTE